In evidenza

What kind of museum visitor are you?

How important are our behaviours for museums?

A lot. As a museum is closely connected to its audience. The objects are displayed in the rooms, and visitors are the guests of honour. How much do we know about the studies involving us as visitors?

In this article, you will find out which visitor you might be once you walk through the door of any kind of museum or art gallery. To know the visitor who is inside you and who you never knew you were.

My 8 types of Museum visitors

Thanks to my experiences in different museums, my observations on visitors’ behaviours I have outlined 8 museum visitor profiles. As flexible and unpredictable as we are when visiting museums.

We can start from the principle that the visitor behaviours in museums are studied as much as the consumers behaviours. One of the purpose of museums is to make the visit to their permanent or temporary collection as experiential as possible according to the intitutional mission. Not an easy undertaking, but world’s leading museums have reached great levels of Visitor Experience focusing on their audience an not only on the collection they preserve.

Visiting a museum is an experience.

National Gallery, London

Whether it’s a view during a vacation or a passion for the weekend, the basic elements are the same. One space, many things to see and mostly limited time to do so.

But what kind of visitors are we? how do we react to the museum space and the things on display? Why are we at the museum? What expectations do we have? Is it all left to chance? not exactly. Who we are and what we want from the visit determines how we see things, although there is always room for unpredictability.

MET museum, New York

If behavioural psychology is combined with the frequentation of places of culture, a useful tool is created for institutions such as museums to get to know their visitors thoroughly, and why not, get to know ourselves better at the museum. The approach is similar in the market of consumer behaviour. However, the cultural world is apart, as the cultural consumers or museum navigator are experiential visitors.

Met Museum, great hall, New York

If we see museums as places that preserve the changes in world culture, places of memory but also experimentation with the new; if we experience them as a meeting place where we go to explore and entertain ourselves in many different ways. Then we must also know our role in it.

Pre-Columbian gallery, Met Museum, New York

And the visitor? A bit of theory

Since the beginning of modern museology, the visitor has become the centre of interest to which attention is directed. Observations on visitors show that behaviours and experiences are anything but predictable. In 2009, John Falk (American museum scholar) identified 5 categories of museum-type visitors with certain characteristics that identified the public in the way they visit museums:

Falk’s visitors’ categories Sources: Adapted from (Falk, J. 2004)

Far from being static typologies, these macro Falk typologies were thought to be flexible and modular. Considering that our attitudes are extremely complex, the way we visit museums is also variable. (For further information Identity and the Museum Visitor Experience, John H. Falk, 2016).

Moma museum map, New York

But why all this? The museum wants to know our experiences in depth to make them unique and memorable. Museums want to know what drives us to enter, how we move in the rooms, how we interact and with what, what meaning we give to what we see and what attracts us (what we hoped for?). The result applies to the proposal of exhibitions and events and the consequential profit.

Hilma af Klint exhibition at Moma, 2019, New York

The interesting part is that our behaviours in museum spaces are innumerable and unpredictable.

National Gallery, London

And you, what visitor are you?

More than 10 years have passed and Falk’s theories have continued to evolve. The largest national museums, with thousands of visitors and a reputation that precedes them, turn to specialized external agencies, such as The Audience Agency, the Morris Hargraves McIntyre, to name two famous in the sector, which are involved in studying and developing profiles of visitors to put them at the service of the institutions. Like? through surveys and “market” researches designed specifically for the museum and its offer.

Musee du Louvre, Paris

Starting from the fact that each museum has its own identity and target audience determined by its collection (and many other factors such as where it is located in the city); I was able to identify types of visitors who have common characteristics while visiting an art museum rather than a natural science one. Although the variables are innumerable and unpredictable, we see typical figures in which we can reflect ourselves.

(My) 8 typical visitors

8 visitor types

I state that the 8 types of visitors are drawn from models designed specifically for a London national museum, the Science Museum by the Morris Hargraves McIntyre in 2014, and then adapted with my interpretation, experience and graphics.

Here are the guidelines to understand what visitor you are and how to optimize your visit without losing the “compass”. Let’s begin!

The TeamLab, permanent exhibition at MORI Museum of Digital Art, Tokyo

Before diving into the typical profiles, it is good to point out which variables were considered in these categories. The social and entertainment reasons, the intellectual part of our interests, the vast field of emotions, and also the spiritual part that guides us to discovery.

How to proceed: Identify your visit scenario

Scenario

What are your challenges during a visit:

Now that you’ve visualized your typical scenario, which of course can always change and reciprocate, here are 3 questions that might help you visualize your museum experience before and during your visit.

I launched these questions in a social media survey to get answers from friends, acquaintances and anyone who came in contact with them. The answers were very interesting because they expanded my point of view as a regular visitor to museums and as a professional, relating it to those who experience the museum differently.

Poll Results:

What is the biggest challenge when visiting a museum? This includes all the various difficulties that a museum visit entails. You are in a sometimes unknown place (first visit), more or less large with many directions to take, with other visitors (pre-pandemic), and with a limited time that is always the number one enemy.

VISITING is certainly a considerable challenge. Many of these problems are determined by the nature of the museum itself and its complexity. But personally, that’s the funniest part, we just have to pick up the museum map to outline an attack-visit plan.

Apparently “where to start” the visit is the dilemma of many. And how to blame us. A Museum visit may be tiring, profesionalls know it. The museum puts a lot of strain to help us with indication and visits route suggestions. Having a map (paper or digital) is certainly practical, but taking the time to understand what the museum offers is also advisable.

Orientation is another problem for big museums. Museum itineraries are not always linear and logical. Museum buildings can be real labyrinths of interlocking halls and corridors. Something could be left behind from the visit before the way out. On the maps or in the directions, the pictures of the mainstream objects can help visitors to orientate. Of course, pre-visit preparation would be ideal, but it is a commitment that no many want to embrace. The museum web pages and official social media have become very relevant for the immediacy of the information, and the Museum identy is changing in the way collections are reaching their audience.

What to see?

A dilemma that is linked to the motivation for the visit. For example, if you are at the Louvre museum you always look for Leonardo da Vinci’s Mona Lisa. But what else is there? and what do you expect from the visit? A quick search on the museum’s pre-visit website would help make a list of the most appealing objects. But how many are actually doing it? On site look at the banners displayed in the museum’s atrium which allows you to spot the Highlights at a glance, together with unmissable exhibits or the exhibitions in progress. Trivial but very useful.

And if you have no idea, just ask! Nobody knows the museum better than those who practically live in it! Linguistic problem aside, luckily museums, like all tourist sites, try to use a language of universal symbols that allows them to orient themselves by images.

NB. The cost of the visit was not relevant in the survey but it is a different point to discuss because here we are talking about the visit once you have crossed the entrance.

Going to the Museum: when? where and how?

These are factors that involve planning a visit. Particularly if you go to the museum for an exhibition or event, this requires the reservation of an entrance ticket. Others rely on guided groups etc. This is more related to tourist, but not only. For expereince, guiding or helping visiotrs to navigate a museum helps to to relax and focus on their expereince especially when there is so much to see.

A spontaneous visit, on the other hand, is more common among those who live near museums, with the possibility of returning visits or to events (for example late opening in the United Kingdom which offers a selection of National museums with free admission). Thus the museum is experienced as a meeting place for locals, an alternative space, a fixed appointment not only for museum enthusiasts.

With those who choose to share a visit to a museum, the experience changes.

Those who visit with family members and children will have different needs both for paths and in emotional participation.

Those who opt for a visit in company of friends etc. can use a musuem visit to discussing ideas or personal stories in front of the objects. And not only that, the museum results to be a favourite place for solo visits, for example for those moving to a new city. If a museum reflects our tastes and passions, it could become a familiar and affectionate place. Threfore, visiting a museum or an art gallery can be both a social and an inner experience, the choice is up to us.

Now I would say we are ready to find out which visitor we have been or would be on our next visit to a museum.

MET Museum, New York

Here are the 8 typical visitor figures listed with their characteristics. Choose the one that inspires you and try to see if it matches your personality.

At the end of the article, you will find an example of a visitor profile.

Avid Cultural User

The members of this group have a marked spontaneity of thoughts because they can see culture as an essential part of their life, the spark that ignites them. Going to the museum could be therefore a choice of independent experience. They also love to visit the museum alone or with friends who are part of their cultural elite. But if visiting with others, they probably are thrilled to share their interests. They wish to satisfy their willingness to know a lot and they enrich themselves acutely. Mostly, they are attracted by the cultural value and/or beauty of the collection. They may like tailored events organized at the museum of which they feel to be an integral part. They frequently visit the exhibitions and the museum is probably a familiar, comfortable and enriching place for them. Age is not important, if you are greedy for the culture you will be forever.

Experience sharer

Experience Sharers explore museums with fun together with friends or family. For them, sharing experience is essential. If they visit a museum it may be because they are curious about it, or they have a strong connection with the place. They would like to see the flagship pieces of the collection, famous paintings or remarkable objects. They are probably the enthusiasts at the front row for any activity, whether it’s dressing up as a dinosaur or trying out flight simulations. They are rather sociable and receptive to the museum and enjoy activities from which they learn something new with each visit. They may not be in their springtime on the outside, but they certainly are in their soul to get involved in the fun. They are probably not very risk-takers in their choice of visits. If they find something they enjoy they likely will do it again and again.

Safe apprentice

The Safe apprentices would like to connect with the culture to enrich their background with ambition. They chase the best experience around, and if it matches their personality they are the first to try it. They enjoy learning but without leaving their comfort zone. Although they are busy, they like to be involved in worthwhile activities that define their quality time. So they would like to go in search of popular museums and activities for a rewarding but well-planned visit. They rather choose a museum as a place for self-improvement, but they may not be for exploring new, they would prefer well-known places and well-established experiences. Most likely they visit museums in the company, making the most of their time.

Cultural Nostalgic

Lovers of more traditional museum experiences, the Cultural Nostalgics appreciate the history and social culture on display. They would pursue the beauty of the environments, the careful display of objects. They would visit exhibitions with well-known subjects and fully enjoy the experience without rushing. They have matured their tastes and appreciation over time. Mostly they are among the adults, but some younger may be fascinated by tradition as well. Cultured by nature, they read all the information unhurriedly and thoroughly. They tend to be nostalgic, and emotional experiences guide them. They are usually regular visitors to the museum, where they have memories they share with those who accompany them. They don’t venture on the new or unconventional, Cultural Nostalgics know what they like and pursue it.

Cutting-edge

The Cutting Edge types are trend-discovering visitors, active consumers of cultural trends. Usually, these visitors are at the head of the queue for contemporary interactive events, latest releases and exhibitions. They also strive to educate themselves with niche events. They probably know what’s in circulation and make sure they get the tickets first.  They tend to enrich themselves with full immersive knowledge, active experience is the most important part for them. They would enjoy authentic moments in museums that they can personalize. They visit with others primarily to learn and share unique experiences online as well. They are returning visitors, and when they come back they tend to look for the latest exhibitions.

Busy Ambitious

The Busy Ambitious appreciates museums, they are engrossed in the most captivating pieces of the visit. They love simple and practical things. Although they are very busy, they have enjoyed the museum on occasion, and tend to repeat the experience whenever possible. They rarely visit alone, it is more likely to find them on guided tours, preferably on weekends and with the family to combine business with pleasure. They prioritise, visiting the museums in a time that have been carved out for a specific experience and invest in something that completes the day. They are ambitious in the visit, which has been organised. They check the museum site to make sure there is what they want to optimise time. Their day at the museum is an effort, but complete and rewarding.

Enthusiastic expert

The Specialists are the most passionate and confident museum-goers but are rare. Whatever the field of interest, they could be true specialists. They are likely independent visitors, perfectly able to orientate themselves, the museums are their environment. They are returning visitors, often to see temporary exhibitions which increase their knowledge and interest. They focus on the purpose of the visit that could be also a slowlooking for specific objects or information.  They may be less interested in other activities but they can be found at presentations and lectures organized by the museum. They are fully satisfied with a visit to museums, and if locals they tend to come back several times to visit alone or with passionate partners.

Leisure Seekers

They tend to love everything popular and entertaining. Culture is among the many leisure activities that they follow. They seek out activities of evasion and immediate fulfilment. If they have to spend time in the museum, let it be fun. They could chase shows, events with a wow-effect, such as blockbuster exhibitions or epic collections. They generally do not visit niche small museums or galleries. But they may have a keen appetite for novelty and design museum buildings. They would like to abandon the traditional idea of ​​boring and dusty museums enjoying the space with their enthusiasm. If not stimulated, they tend to lose enthusiasm during the visit. They are awed by super-specialized museums as are visiting museums for leisure, usually with families and friends most likely on weekends. Seekers never fail to pay a visit to the museum shop.

Let’s see an example of a visitor that includes two categories, to realize how multifaceted we can be and how our visit experience varies according to the situation.

Museo Egizio, Torino, 2019

Here is my father and his passion for Egypt while visiting the  Museo Egizio di Torino in Turin (Italy), in December 2019.

My father is fond of ancient Egyptian history. He always read a lot about it. He passed on his passion for the ancient kingdom of the Pharaohs and one of the first museum visits I can remember is in the Egyptian Museum in Turin. We got back together more than 20 years later. This is the kind of visitors my father Mr D. was on that day. But he knows how to have fun at the museum …

Mr D., therefore, has the characteristics of two types of visitor, because he loves tradition and historical museums but without missing out on the fun.

Result: he is a Cultural nostalgia looking for Entertainment in a museum visit. And this is precisely the beauty of us visitors, our unpredictability who guide us within the museums by our interests, or even just for total evasion.

In the hope that this guide of mine may help you to better understand who you are while visiting a museum. Once back in the galleries among objects, be yourself. Don’t be intimidated by museums opulence, the vast knowledge they contain or the illegibility of certain art forms. Remember they are there for you.

“It is the human being, in his ontological essence, who is irremediably complicated and for this reason so curiously creative and noteworthy.” Philippe Daverio art history critic (1949-2020)

Silvia

Musee du Louvre, Paris 2019
In evidenza

Che tipo di visitatore da museo sei?

8 tipi di visitatore da museo

e tu quale saresti?

Quanto sono importanti i nostri comportamenti per i musei?

Tantissimo. Perchè un museo è strettamente connesso al suo pubblico. Gli oggetti sono esposti nelle sale, e voi siete gli ospiti d’onore.

Ma quanto ne sappiamo sugli studi che coinvolgono noi visitatori?

In questo articolo scoprirete quale visitatore potreste essere una volta varcata la porta di un museo di ogni tipo o gallerie d’arte. Per conoscere il visitatore che è dentro di voi e che non avete mai saputo di essere.

Gli 8 visitatori tipo

Tratto da personali esperienze, studio, infinite ore di osservazione sui comportamenti dei visitatori e come instancabile visitatrice, ho delineato su studi già esistenti 8 profili tipo di visitatori da museo. Ma prima di incontrarli è necessario dirvi come si è arrivati a queste 8 figure.

Partiamo dal principio che il comportamento del visitatore nei musei è studiato tanto quanto quello di un consumatore. Lo scopo del museo o galleria è di rendere la visita alla sua collezione permanente o temporanea il più possibile esperienziale secondo la missione che l’istituzione si prefigge. Un’impresa non semplice, ma alcuni musei grandi e piccoli, hanno raggiunto dei grandi livelli di Visitor Experience (e si vede!)

Visitare un museo è un’esperienza.

National Gallery, London

Che sia una vista durante una vacanza o per passione nel fine settimana, gli elementi base sono gli stessi. Uno spazio, molte cose da vedere e un tempo per lo più limitato per farlo.

Ma che tipo di visitatori siamo? come reagiamo allo spazio del museo e alle cose esposte? perché ci troviamo al museo? Che aspettative abbiamo? Che sia tutto lasciato al caso? non proprio. Chi siamo e cosa vogliamo dalla visita determina come vediamo le cose,  sebbene c’è sempre spazio alla imprevedibilità.

Se la psicologia comportamentale si combina con la frequentazione dei luoghi di cultura, ne nasce uno strumento utile per le istituzioni come i musei per conoscere a fondo i propri visitatori, e perchè no, conoscere meglio noi stessi al museo. Il terreno è quello mutevole dell’ audience/consumers behaviour (ossia del comportamento del consumatore). Ma il mondo culturale è a se stante. Il consumatore qui è un visitatore esperienziale.

Metropolitan Museum, New York

Se vediamo i musei come luoghi che custodiscono i cambiamenti della cultura del mondo, luogi di memoria ma anche di sperimentazione del nuovo; se li viviamo come luogo di incontro dove si va per esplorare e intrattenersi in molti modi diversi. Allora dobbiamo conoscere anche il nostro ruolo.

Metropolitan Museum, New York

E il visitatore? Un pò di teoria

Sin dal principio della museologia moderna, il visitatore è diventato il centro di interesse a cui rivolgere l’attenzione. Le osservazioni sui visitatori dimostrano che il suo comportamento e l’esperienza è tutt’altro che prevedibile. Nel 2009, John Falk (professionista museale americano) identificò ben 5 categorie di visitatori tipo da museo con determinate caratteristiche che identificavano il pubblico sul modo in cui visitano i musei:

Falk’s visitors categories Sources: Adapted from (Falk, J. 2004)
  1. Il cercatore di esperienze
  2. L’esploratore 
  3. Il facilitatore 
  4. L’appassionato & professionista
  5. Il ri-caricatore

Ben lontano da essere tipologie statiche, queste macro tipologie di Falk furono pensate per essere flessibili e modulabili. Considerando che le nostre attitudini sono estremamente complesse, variabile è anche il modo in cui visitiamo i musei.  (Per approfondire Identity and the Museum Visitor Experience, John H. Falk, 2012)

MOMA, New York

Ma perchè tutto questo? Il museo vuole conoscere a fondo le nostre esperienze per renderle uniche e memorabili. Vuole sapere cosa ci spinge ad entrare, come ci muoviamo nelle sale, come interagiamo e con cosa, che significato diamo a ciò che vediamo e cosa ci attrae (quello sperato?). Il risultato è applicabile sulla proposta di mostre ed eventi e il consequenziale profitto.

Guggenheim, New York City

La parte interessante è che i nostri comportamenti negli spazi museali sono innumerevoli e imprevedibili.

National Gallery, London

E tu, che visitatore sei?

Son passati ormai più di 10 anni e le teorie di Falk hanno continuato ad evolversi. I più grandi musei nazionali, con migliaia di visitatori e una fama che li precede, si rivolgono ad agenzie esterne specializzate, come  The Audience Agency, the Morris Hargraves McIntyre, per citare due famose nel settore, che si occupano di studiare e sviluppare i profili dei visitatori per metterli al servizio delle istituzioni. Come? attraverso sondaggi e ricerche di “mercato” pensate appositamente per il museo e la sua offerta. 

Riflessi al Museu del Louvre

Partendo dal fatto che ogni museo ha una sua identità e un suo target di pubblico determinato dalla propria collezione (e a molti altri fattori come dove si trova nella città); sono riuscita ad individuare delle tipologie di visitatore che hanno caratteristiche comuni mentre visitano un museo di arte piuttosto che uno di scienza naturale. Sebbene le variabili sono innumerevoli e imprevedibili, vediamo delle figure tipo nelle quali possiamo ritrovarci.

I (miei) 8 visitatori tipo

Premetto che le 8 tipologie di visitatori  sono tratte da modelli disegnati appositamente per un museo nazionale londinese, the Science Museum da the Morris Hargraves McIntyre nel 2014, e poi riadattate con la mia personale interpretazione, esperienza e grafica.

Di seguito le linee guida per capire che visitatori siamo e come ottimizzare la nostra visita senza perdere la “bussola”. Iniziamo!

The TeamLab, esposizione permanente al MORI MUseum of Digital Art, Tokyo

Prima di immergerci nei profili tipo, è bene far presente quali variabili sono state considerate in queste categorie. Le ragioni sociali e di intrattenimento, la parte intellettuale dei nostri interessi, il vasto campo delle emozioni, e anche la parte spirituale che ci guida alla scoperta.

Come procedere: Individua il tuo scenario di visita

Quali sono le vostre sfide durante una visita:

Ora che avete visualizzato il vostro scenario tipo, che ovviamente può sempre cambiare e ricambiare, ecco 3 domande che potrebbero aiutarvi a visualizzare la vostra esperienza al museo prima e durante la visita.

Ho lanciato queste domande in un sondaggio sui social per avere risposte da amici,  conoscenti  e chiunque ne venisse in contatto. Le risposte sono state molto interessanti perché hanno ampliato il mio punto di vista da assidua visitatrice dei musei e professionista, rapportandolo  con chi il museo lo vive in modo totalmente diverso.

Risultati del sondaggio:

Qual è la sfida più grande quando visiti un museo? Qui si includono tutte le varie difficoltà che una visita museale comporta. Ci si trova in un posto a volte sconosciuto (prima visita), più o meno grande con tante direzioni da prendere, con altri visitatori (pre-pandemia), e con il tempo che è sempre il nemico numero uno.

VISITARE è sicuramente una sfida non indifferente. Tanti di questi problemi sono determinati dalla natura del museo stesso e la sua complessità. Ma personalmente è la parte più divertente, non ci resta che prendere in mano la mappa del museo per delineare un piano d’attacco-visita oppure seguire il flusso e lasciarci trascinare senza una meta.

A quanto pare “da dove iniziare” la visita è il dilemma di molti. E come darvi torto. Il museo mette a dura prova molti di noi ed è quindi compito dell’istruzione aiutarci in questo. Munirsi di mappa (cartacea o digitale) è sicuramente pratico, ma anche prendersi il tempo di capire cosa offre il museo è consigliabile. 

Orientarsi è un altro problema per i grandi musei. I percorsi museali non sono sempre lineari e logici. Gli edifici dei musei possono essere dei veri labirinti di sale e corridoi concatenati. Qualcosa sfugge sempre prima di trovare la via d’uscita.  Sulle mappe o nelle indicazioni le immagini delle opere più famose ci possono aiutare nell’orientare la visita. Certo, una preparazione pre-visita sarebbe l’ideale, ma è un impegno e a l’imprevedibilità di una visiata ha il suo fascino. Anche qui le pagine web e i social media ufficiali sono diventati molto rilevanti per l’immediatezza dell’informazione. Ma solo voi determinate il vostro percorso personale.  

Cosa vedere?

Un dilemma che è legato alla motivazione della visita.  Ad esempio, se si è al museo del Louvre si cerca sempre la Gioconda di Leonardo da Vinci. Ma cosa c’è d’altro? Una rapida ricerca sul sito web del museo pre-visita aiuterebbe a fare una lista dei pezzi più ricercati,  o anche osservare i banner esposti nell’atrio del museo che permette a colpo d’occhio di individuare gli Highlights –  imperdibili oggetti esposti da non mancare o le mostre in atto. Banale ma utilissimo.

E se proprio non hai idea, chiedi! Nessuno conosce meglio il museo di chi praticamente ci vive dentro. Problema linguistico a parte, per fortuna i musei, come tutti i luoghi turistici, cercano di usare un linguaggio di simboli universali che permette di orientarsi a immagini. Altrimenti fatti guidare dal caso, un passo dopo l’altro.

 NB. Il costo della visita non è stato rilevante nel sondaggio ma è un punto diverso da discutere, perchè qui si parla della visita una volta varcato l’ingresso.

Andare al Museo: quando? dove e come?

Sono fattori che implicano una pianificazione. In particolare se si va al museo per una mostra o un evento, questo richiede la prenotazione di un biglietto d’ingresso. Altri si affidano ad organizzazioni turistiche, gruppi guidati etc.

Una visita spontanea invece risulta più comune tra chi si trova a vivere in prossimità dei musei, con possibilità di ingressi ad eventi serali (gratuiti come il Regno Unito che offre una selezione di musei Nazionali a ingresso libero – precedente articolo qui). Così  il museo viene vissuto anche come luogo di incontro, uno spazio alternativo, un appuntamento fisso non solo per gli appassionati.

Con chi si sceglie di condividere la visita a un museo cambia l’esperienza.

Chi visita con i familiari e bambini avrà delle esigenze diverse sia di percorsi che di partecipazione emotiva. Chi opta per una visita in compagnia e come motivo di incontro, si potrebbe trovare a discutere idee, storie personali davanti alle opere. E non solo, il museo risulta un luogo prediletto per le visite in solitaria, ad esempio per chi si trasferisce in una nuova città. Se un museo c rispecchia i nostri gusti e passioni, e non ci intimorisce è allora che può diventare un luogo familiare e affezionato. Quindi la visita in un museo o galleria può essere un’esperienza sia sociale che interiore, la scelta sta a noi.

National Gallery, London

Ora direi che siamo pronti per scoprire quale visitatore siamo stati o saremmo nella nostra prossima visita.

Ecco le 8 figure di visitatore tipo elencate con le loro caratteristiche. Scegli quella che ti ispira e prova a vedere se combacia con la tua personalità. Ogni profilo ha 4 parole chiave e 4 simboli che evidenziano le nostre qualità. Nessun profilo è milgiore di un altro, sono tutti equamente vividi visitatori.

PS. A fine articolo troverai un esempio di profilo di visitatore.

Gli 8 visitatori da museum

Gli 8 visitatori tipo

Avido consumatore culturale

Gli appartenenti a questo gruppo hanno una spiccata spontaneità di pensiero perché vedono la cultura come parte essenziale della loro vita, la scintilla che li accende. Andare al museo è perciò una scelta di esperienza indipendente. Amano anche visitare il museo in solitaria o con amici che fanno parte della propria élite culturale.  Ma se in visita con altri, sono entusiasti di condividere i propri interessi. Vogliono soddisfare la loro avidità di informarsi su tutto e in modo acuto si arricchiscono.  Sono attratti dal valore culturale e/o dalla bellezza della collezione. Amano gli eventi sofisticati organizzati al museo di cui si sentono parte integrante. Visitano con frequenza le mostre e vivono il museo come luogo familiare, confortevole e di arricchimento. L’età non è importante se sei avido di cultura lo sei per sempre.

Condivisore di esperienze

I condivisori esplorano il museo con divertimento in un giorno insieme ad amici o famiglia. Per loro condividere l’esperienza è fondamentale. Se visitano un museo è perchè ne sono incuriositi, hanno una forte connessione con il luogo, e gli piace vedere i pezzi di punta della collezione, quadri famosi o grandi oggetti. Sono gli entusiasti in prima fila per qualsiasi attività, che sia travestirsi da dinosauro o  provare simulazioni di volo. Sono socievoli e  ricettivi nel museo, e si divertono con attività da cui imparano qualcosa di nuovo ad ogni visita. Se non sono del tutto giovani fuori, lo sono sicuramente nell’animo e si fanno coinvolgere dal divertimento. Non rischiano molto nelle scelte di visita, se trovano qualcosa che gli piace la rifanno ancora e ancora.

Cauto apprendista

I cauti apprendisti vogliono connettersi con la cultura per arricchire il loro background con ambizione. Inseguono le migliori esperienze in circolazione, e se coincidono con la loro personalità sono i primi a provarle. Si divertono a imparare ma senza uscire dalla loro comfort-zone. Sebbene siano impegnati, gli piace essere coinvolti in valide attività che definiscono il loro quality time. Quindi vanno alla ricerca di musei e attività popolari per una visita appagante ma ben pianificata. Scelgono il museo como luogo di automiglioramento, ma non sono per l’esplorazione del nuovo, preferiscono luoghi conosciuti ed esperienze ben rodate. Molto probabilmente visitano i musei in compagnia, sfruttando al meglio il proprio tempo.

Nostalgico di eredità culturale

Amanti dei musei più tradizionali, apprezzano la storia e la cultura sociale. Inseguono la bellezza degli ambienti, la curata esposizione  degli oggetti. Visitano le mostre dai grandi nomi conosciuti, e si godono appieno l’esperienza senza fretta.  Hanno maturato i propri gusti col tempo e l’apprezzamento . Per lo più si annoverano tra gli adulti, ma non si escludono i più giovani affascinati dalla tradizione. Acculturati di natura, leggono tutte le informazioni senza fretta e in modo approfondito. Sono nostalgici, li guidano le esperienze emozionali. Sono visitatori regolari del museo, in cui hanno ricordi e li condividono con chi li accompagna. Non si avventurano sul nuovo o anticonvenzionale, sanno cosa gli piace e lo perseguono.

All’avanguardia

Sono visitatori scopritori di tendenze, attivi consumatori di trend culturali.  In capo alla fila per eventi interattivi contemporanei, ultime uscite e mostre. Si sforzano anche di acculturarsi con eventi di nicchia. Sanno sempre cosa c’è in circolazione e si assicurano di accaparrarsi per primi i biglietti. Adorano essere immersi in esperienze diverse e sono i primi a sperimentare le novità, mostre ed eventi speciali. Si arricchiscono di sapere, ma l’esperienza attiva  è la parte più importante per loro. Si divertono in autentiche esperienze che possono personalizzare. Visitano con altri principalmente per apprendere e condividere le esperienze uniche anche online. All’ingresso si dirigono diretti alle mostre del momento. 

Ambizioso indaffarato

Questo tipo di visitatore apprezza i musei, sono assorti dei pezzi più accattivanti della visita. Amano le cose semplici e pratiche.Sebbene siano  molto impegnati, si sono divertiti al museo in qualche occasione, e tendono a ripetere l’esperienza quando possibile. Visitano raramente da soli, è più probabile trovarli in visite guidate, preferibilmente nel weekend e con la famiglia per unire l’utile al dilettevole. La priorità sono altre, visitano i musei in un tempo che si sono ritagliati per un’esperienza specifica e investono in qualcosa che completi la giornata. Sono ambiziosi nella visita, che è stata organizzata. Controllano il sito del museo per assicurarsi che ci sia quello che vogliono vedere per ottimizzare. La loro giornata al museo è si uno sforzo, ma completa e appagante.

Specialista appassionato

Gli specialisti sono i più appassionati durante le visite ma sono visitatori rari. Sono decisi quando entrano in un museo. Qualsiasi sia il campo di interesse, sono dei veri specialisti. Sono indipendenti, e si orientano alla perfezione perchè sono nel loro ambiente.  Visitano particolarmente per vedere delle mostre temporanei che aumentano la loro conoscenza e interesse. Si focalizzano sullo scopo di visita, e non sono particolarmente interessati ad altre attività. Esplora il museo cercando informazioni specifiche ma si possono trovare a presentazioni e lezioni organizzati dal museo. La visita al museo li appaga in pieno, che siano turisti o specialisti. Prenotano per essere sicuri di vedere quello che gli interessa, o se locali tornano più volte in visita da soli o con partner appassionati.

Cercatore di intrattenimento

Amano tutto ciò che è popolare e di intrattenimento. La cultura è tra le tante attività del tempo libero che seguono. Ricercano attività di evasione e appagamento immediato. Se devono passare del tempo nel museo, che sia divertente. Inseguono spettacoli, eventi dall’effetto wow, come mostre blockbuster di nomi famosi. Generalmente non visitano i piccoli musei di nicchia e non famosi. Hanno però uno spiccato appetito per le novità di design e vorrebbero abbandonare l’idea tradizionale sui musei noiosi.  Se non stimolati, tendono a  perdere l’entusiasmo durante la visita e sembrano intimoriti dai musei super specializzati. Visitato i musei per svago, generalmente con famiglie e amici più probabile nel weekend. Un giro allo shop del museo non manca mai per un souvenir.

Vediamo un esempio di visitatore che include due categorie, per renderci conto di come siamo possiamo errese sfaccettati e di come la nostra esperienza di visita varia a seconda della situazione.

Ecco mio padre e la sua passione per gli Egizi in visita al Museo Egizio di Torino, nel Dicembre 2019.

Museo Egizio di Torino

Mio padre è appassionato di storia dell’antico Egitto. Ha sempre letto molto a riguardo. Mi ha passato la sua passione per l’antico regno dei Faraoni e una delle prime visite museali che ricordo è proprio al Museo Egizio di Torino. Siamo tornati insieme più di 20 anni dopo. Ecco che tipo di visitatore è mio padre, Mr. D.

Ma sa come divertirsi al museo…

Mr D. ha quindi le caratteristiche di due tipi di visitatore, perchè ama la tradizione e approfondisce ma senza farsi mancare il divertimento.

Risultato: é un nostalgico culturale in cerca di intrattenimento

Ed è proprio questo il bello di noi visitatori, la nostra imprevedibilità guidati all’interno dei musei dai nostri stessi interessi, o anche solo per totale evasione.

Nella speranza che questa mia guida possa esservi di aiuto per capire al meglio che visitatori siete. Una volta tornati nei musei, siate voi stessi. Non fatevi intimorire dai musei, dalla vasta conoscenza che contengono o dall’illegibilità di certe forme di arte. Ricordatevi che sono li per voi.

“E’ l’essere umano, nella sua essenza ontologica, a essere irrimediabilmente complicato e proprio per questo motivo così curiosamente creativo e degno di nota.”

Philippe Daverio storico e critico d’arte

A presto nei musei del mondo…

Silvia

In evidenza

The enigma of the Mona Lisa. Among myth, art and neuroscience. Art Break # 1 ENG

[Vuoi leggere questo articolo in Italiano? clicca qui]

Although 500 years have passed since Leonardo da Vinci left us (2 May 1519), we are still questioning the reasons for the allure of his most famous work, the Gioconda, better known as the Mona Lisa.

Neuroscience has unveiled one answer among many.

The fame of the painting:

It might be not a coincidence that more than 85% of people nominated the  Gioconda as one of the most famous paintings in the world. The mysterious identity of the subject, the enigmatic smile, the penetrating gaze are just some elements of its timeless charm.

The portrait of the Mona Lisa continues to create a recurring set of studies, publications and curiosities of what has been a true icon of popular culture for a long time (Cover of the magazine Epoca, Italy 1957).

Seeing the Mona Lisa at the Musée du Louvre is an experience in its self. The immensity of the building, the glass pyramids of Ieoh Ming Pei that welcome you to the beating heart of the museum, the grand entrance. From there 5 thousand visitors a year (pre-covid-19 era) are sorted in the three wings of the museum, some aware and some unaware of where they are going. Only one thing is sure at all, they will not leave the museum before seeing the Mona Lisa. The painting has become the very symbol of the Louvre, universally known and reproduced. She, the Mona Lisa, is famous and her name is legend.

The Giocond, is a portrait on wood of the wife of a Florentine, painted by Leonardo di ser Piero Da Vinci between 1503 and 1519 and displayed in the room of the Gioconda, Room 771.

It seems that a visit to the most famous museum in the world has no value if you do not stop for a few seconds to see Leonardo’s famous lady. If you’ve been there, you will have queued in the first-floor room and been kept away by security to see it behind thick glass. Yet even in that crowd we are there for a few moments to consciously admire (or perhaps not) the portrait of a young woman who lived 500 years ago in Florence. Admiration and frenzy, in the short time of taking a picture in the perhaps unique event of being there. On an evening visit to the Louvre, you may be lucky enough to see it without the crowds and you may have time to test the famous gaze that follows you everywhere. Leonardo perfectly calculated every effect of wonder. The penetrating gaze of the Mona Lisa captures ours from afar, with a perfect eye-shadow that is the envy of makeup artist. What is notoriously surprising for many is the small size of the portrait compared to the enormous fame. Now to explain the first myth.

Room of the Gioconda, Musée du Louvre. First floor. November 2019

Why so big yet so small?

The portrait is actually slightly smaller than its given measurements (only 77×53 cm). A half-length portrait of a woman in the foreground with a hilly landscape behind it. Leonardo thought of it as a close-up view. A private, intimate and deeply contemplative portrait. The dimensions are similar to real life; therefore a few seconds are not enough to grasp the deeper details, condensed on the canvas by the undisputed genius of the Renaissance.

Going back to the question. Why does this canvas attract more than 5 million visitors a year? And who is Mona Lisa? Surely over the centuries the mystery behind the Mona Lisa’s face has stratified. Art critics have expressed themselves copiously to find who the face belongs to. Leonardo’s famous contemporary biographer, Giorgio Vasari, had already identified her as Lisa Gherardini, wife of a Florentine silk merchant Francesco del Giocondo (and so named La Gioconda). Recent archival data have made it possible to trace the real woman’s profile and the events behind the portrait. Nevertheless, her identity is not essential to understand her eternal charm.

Facts to fame:

1. Leonardo’s infinite devotion: Leonardo worked on the portrait from about 1503 for four years on several occasions, until he decided not to be parted from the canvas for the remaining ten years of his life (1519). The Mona Lisa followed him from Florence to Rome, from Rome to Milan, and then to the court of the King of France, Francis I, and remained there to this day (Napoleon Bonaparte is not to blame this time!).

2. Admiration and copies: Incredibly, the Mona Lisa aroused “vast fame” since the seventeenth century within Italy, France and England, as evidenced by the numerous high-quality pictorial copies, fervent testimonies and false attributions that had appeard. These were then overshadowed by art critics for about a century, but never completely forgotten.

La Domenica del Corriere, 1911.

3. The theft of the Mona Lisa: the famous act of 1911, by a patriotic Vincenzo Peruggia who wanted to bring it back “to its homeland” played a fundamental role in cementing the attention of a wider audience (and not only of connoisseurs) aiming the spotlight of a nascent popular culture on the shy smile of the Mona Lisa.

4. Its priceless value $$$: Following a controversal loan request of the Mona Lisa to the USA by the First Lady Jacqueline Kennedy in 1962,  the value of the Mona Lisa was estimated to be 100 million dollars ($ 800 million today), making it the most expensive works of art in the world.’

La Gioconda in the USA for the Kennedy, 1962
  • 5. The mystery: In 1995 a New York artist, Lillian Schwartz proposed a theory that became the subject of a cover story for the Scientific American magazine. She stated the Mona Lisa was nothing more than a disguided self-portrait of Leonardo, based on physiognomic similarities with one of the most famous portraits of an elderly Leonardo displayed in Turin, fuelling intrigue and mystery. The last theory dates back to 2015 when a private multispectral lighting engineer announces the presence of another face beneath the surface of pictorial layers.
Leonardo selfportrait, 1515, Turin, Italy

Experts from the Louvre Museum have not confirmed these theories, while Martin Kemp, Leonardo’s greatest scholar in Oxford, reaffirms the genesis of a single portrait used in multiple drafts and changed as it was used in Leonardo’s pictorial process.

Emotions, mirror neurons and the aesthetic experience

For Kemp, Leonardo in the portrait of the Mona Lisa played on one of our basic human instincts: the irresistible tendency to react to facial signs, that is physiognomy.

But how can a painting on a canvas convey emotions?

One of Leonardo’s objectives was precisely to elicit an emotional reaction in the viewer through the art of pictorial fiction. He claimed that whoever looks at a portrait tends to unconsciously project himself into the painted subject, so much so that he identifies himself as the subject. Before Leonardo, the Renaissance theorist, Leon Battista Alberti, in his treatise on painting (1435) urged artists to make maximum use of this effect. Leonardo himself in his diaries considered a work a success only when he managed to provoke a noticable [UK2] reaction in the spectator.

“Farai le figure in tale atto, il quale sia sufficiente a dimostrare quello che la figura ha nell’animo; altrimenti la tua arte non fia laudabile” (Ms. A, f. 199, 1490-1492 ca.) (You will make the figures in this act, which is sufficient to demonstrate what the figure has in mind; otherwise your art will not be laudable)

It seems that these Renaissance ideas were indeed plausible. Forerunners of the modern neurobiological discovery of empathy.

Now entering gingerly into the scientific realm, I follow the theory of Stefan Klein, physicist and philosopher of Munich, on the artist as a neuroscientist. Neuroscience studies the nervous system in various fields. Research has made it possible to isolate a “class” or group of cells of the motor cerebral cortex that are activated while we observe others in action, called Mirror Neurons. An exceptional discovery made in 1992 by the Italian team of the CNR of Parma, led by the neurophysiologist Giacomo Rizzolatti (Oscar winner of neuroscience).

Mirror Neurones

Mirror neurons

The principle in brief: some classes of nerve cells have the function of controlling the muscles of our body, for example the impulse to curl the lips in a smile or in an expression of pain. Others, mirror neurons activate exactly with the same signal as motor neurons when we observe others being happy or sad. As if we have those feelings ourselves, the mirror neurons reflect the expressions of others like a mirror, empathizing the visual inputs of movements in our expression. Basically, we feel like smiling when we see someone smiling. Has this ever happened to you?

This discovery made it possible to clarify the complex mechanism of empathy, followed by multidisciplinary applications, including visual art. In 2007, the Rizzolatti team published an experiment of mirror neurons to demonstrate the biological basis of the experience of “beauty” in art. (Great!) One result was that the observation of the beauty of classical art activates the mirror neurons of the emotional areas of the brain, expressing itself in a particular state called the aesthetic experience. A project on this is currently being carried out by Doctor Cinzia Di Dio and her research team from the Catholic University of Milan. The neurobiologist Semir Zeki [UK3] of the University College of London, pioneer of modern Visual Science, exploring the brain of the artists in his book Inner Vision (1999), affirms that great figures like Leonardo were also neurologists, as they were capable of unconsciously understanding the functions of the visual brain.

Therefore, Leonardo was interested in the processes of the origin of emotions and related facial expressions, which emerged in his studies half a millennium before modern neurology. Thanks to this intuition, he managed to paint figures so convincing as to provoke an unparalleled emotional engagement from the viewer.

Raphael’s admiration

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è image-6.png
Raffaello Sanzio: a Dama con l’Unicorno (1505); Maddalena Doni (1506); Drawing of the Gioconda (1504)

The first to  marvel  the Mona Lisa was the young Raphael who probably saw the portrait at Leonardo’s workshop in Florence,as revealed by his drawing dated to 1504. That sketch of the young Raphael is reflected in the poses of two of his later works: The Lady with the unicorn and the Portrait of Maddalena Strozzi-Doni. At the time he was just twenty years old, probably sensed the Leonardesque innovation of the three-quarters pose, and perhaps inspired by the Flemish art circulating as drawings and works at the Mantuan court. Although Raphael’s indisputable pictorial talent is in portraits, such as the Lady with the unicorn, it has never achieved the fame of the Mona Lisa, failing to arouse admiration in posterity.

Raphael portrayed the woman as he saw her, idealizing beauty but without going beyond what is immediately visible. His artistic understanding of the young woman ends at the level of a pure portrait. What was beyond the image and in the observer’s mind was of little interest to Raphael. Therefore, in the portrait we only see what the artist wanted to show us, a beautiful but lifeless face. Leonardo instead managed to penetrate the surface of the work. The Mona Lisa “lives” – says Martin Kemp, – “she reacts to us, and we cannot help but respond”.

The imperfect face of Lisa

Nonetheless, the Mona Lisa is not perfect,her physiognomy reveals a lot of what has been carefully concealed. We note that the face is actually asymmetrical. For example, the left corner of the mouth is higher and the shadow of the left eye is more pronounced.

Each side represents a different state, one more serious and the other smiling. Modern science reports that facial asymmetry is dictated by the brain divided into two hemispheres that control the two mirror parts of the body. The left side of the brain controls the muscles of the right side of the face and vice versa. Since the right hemisphere is more directly responsible for the process of emotions, feelings are expressed more markedly on the left side of the face.

The extraordinary thing is that Leonardo deduced this particular physiognomy of expressions thanks to his methodical observations. Studies that he then applied to make the face of the Mona Lisa inscrutable, exaggerating the natural difference of the two parts of the face and thus creating an extremely enigmatic, if not hyper realistic face.

Given that the asymmetry is accentuated when you want to mask sensations, what did Lisa Gheraldini want to conceal? It seems that Leonardo did everything possible to mask the mystery. There are no marked lines on the face, the colour transition between the various parts between light and shadow are perfectly balanced. The so-called Leonardo nuanced effect -chiaroscuro- is a technique that developed in the early Renaissance, where translucent and opaque layering creates the illusion that the gaze of the Mona Lisa moves with us (this is the myth). Our gaze glides on colours without being able to cling to any point of light or sign. Leonardo knew how a slight change of shadows could change an entire expression. We see it in the corner of the mouth, raised on one side and lower on the other, a veil of sadness as if Lisa Gherardini had spent weeks hiding a devastating secret. The puzzle remains, but if our mirror neurons went into action in that room in the Louvre, we would probably be overwhelmed by centuries of emotions.

Undoubtedly Leonardo’s intuitions are based on his particular ability to manipulate perceptions.

Leonardo’s optics studies , Ms. D, fol. 3v-4r. Paris, Istitute de France. On display in the Leonardo da Vinci Exhibition at Louvre Museum, Novembre 2019

Direct observation was the fulcrum of his knowledge, albeit aware of the limits of human perception. He did not take anything for granted, as if he always saw things for the first time, he was fascinated by the constant change of nature. Leonardo experimented with the use of optical instruments from the beginning of his training,designing lenses, concave mirrors and machines for channelling light. Discoveries that he incorporated with skill in painting. Once again, he had hit a biological explanation of visual acuity.

The last deception between space and light

In the portrait of the Mona Lisa, the result is of enormous visual depth, the figure emerges almost incorporeal from the background, suspended in the distant landscape. The light that hits the Mona Lisa is instead steady on the face, and plays with the fingers of the hand in the foreground. But pictorial and constructive elements conceal a true visual deception designed by Leonardo.

The woman is seated in a loggia, note the detail hinted at by the base of columns in the corners of the painting. The lady should be backlit. Instead she is illuminated in front from the top left edge of the painting.

In this portrait Leonardo used the law of optics in a way so perfect as to correct the light in an imperceptible illusion. It doesn’t bother us. We simply accept that the woman seems more real than reality itself.

Leonardo painted the picture not to be realistic but to create an alternativereality. He did not invent the perspective, but he was the first to understand the reasons for these phenomena and apply them in his works in an incomparable virtuosity. The Mona Lisa is therefore part of a moment of maximum experimentation on optics and how the incidence of light alters the visibility of things. When the portrait began in 1503, Leonardo was 51 years old, at the height of his studies and as a legacy of his experience.

The effect created by Leonardo comes from the awareness that the work is not completed on the canvas but in the eye of the observer themselves. / herself-or himself.

The enigma of the Mona Lisa … is Leonardo, the visionary, the artist scientist, who dug deep, wondering how an image takes shape in the eye and what feelings it arouses in the beholder. I would say that perhaps he managed to arouse a 500-year emotion.

What is certain is that on my next visit to the Louvre I will spend as much time as possible observing it, and maybe who knows, my mirror neurons may activate to make me feel like the Mona Lisa. Observed by millions of visitors, behind a glass in a room on the first floor of the Musée ’du Louvre.

sdr

Fin.

Ps. I would like to thank my friend and museum explore companion Umut for his support and editing of the english version of my article.


In evidenza

L’enigma della Gioconda. Tra mito, arte e neuroscienza. Art Break #1

[Do you want to read this article in English? click here]

Sono passati 500 anni dalla scomparsa di Leonardo da Vinci (2 Maggio 1519), ma ci si interroga ancora sul mito del fascino della Gioconda.

Molte le risposte, una in particolare dalla neoroscienze svela l’enigma dietro il sorriso della Mona Lisa.

La fama: Non è una coincidenza che più’ del 85% delle persone nomina La Gioconda tra i quadri più famosi al mondo? L’identità’ misteriosa, il sorriso enigmatico, lo sguardo penetrante sono solo alcuni elementi di un fascino senza tempo. Il ritratto della Mona Lisa continua a  generare un insieme ridondante di studi, pubblicazioni, curiosità’ di quella che più di un dipinto è da tempo una vera icona della cultura popolare (Copertina della rivista Epoca, 1957).

L’incontro con la Gioconda al Musée’ du Louvre e’ pura esperienza. L’immensità del palazzo, le piramidi di vetro di Ieoh Ming Pei ti accolgono nel cuore pulsante del museo, la grand entrance. Da lì 5 mila visitatori l’anno (era pre covid-19) si smistano nelle tre ali del museo, consapevoli o ignari di dove stanno andando. Ma solo una cosa è sicura a tutti, non usciranno dal museo prima di aver visto la Gioconda. Il quadro è divenuto il simbolo stesso del museo parigino, universalmente conosciuto e riprodotto. Lei, la Mona Lisa, e’ famosa e il suo nome e’ leggenda. 

La Gioconda, ritratto su tavola della moglie di un Fiorentino, realizzato da Leonardo di ser Piero Da Vinci tra il 1503 e il 1519, conservata nella Salle de la Joconde 711.

Pare che una visita al museo più’ famoso al mondo non abbia valore senza una sosta di pochi secondi per vedere la celeberrima dama di Leonardo.  Se ci siete stati, vi sarete messi in coda nella sala al primo piano. Mantenuti a debita distanza dalla sicurezza per vederla dietro uno spesso vetro. Eppure anche in questa calca siamo lì per pochi istanti ad ammirare consapevoli (o forse no) il ritratto di una giovane vissuta 500 anni fa a Firenze.  Ammirazione e frenesia, nel breve tempo dello scatto di  una foto dell’evento (forse unico) di essere lì.  In una visita serale al Louvre potreste avere la fortuna di vederla serenamente e potreste avere anche il tempo di testare il famoso sguardo che vi segue ovunque. Leonardo calcolò perfettamente ogni effetto di meraviglia. Lo sguardo penetrante della Mona Lisa cattura fin da lontano il nostro, con un perfetto eye-shadow da fare invidia a ogni makeup artists.  Eppure quello che notoriamente sorprende molti sono le  dimensioni ridotte del ritratto rispetto all’enorme fama. Ecco da svelare il primo mito non mito.

Museo del Louvre, sala della Gioconda. Primo Piano. Novembre 2019

Perchè così grande ma così piccola?

Il ritratto è effettivamente di poco più piccolo del vero (solo 77×53 cm.), un mezzo busto di donna in primo piano con un paesaggio collinare retrostante. Leonardo lo ha pensato per una visione ravvicinata. Un ritratto privato, intimo e di contemplazione profonda. Le dimensioni sono simili al vero, pertanto pochi secondi non bastano per coglierne i dettagli più’ profondi, condensati sulla tela dal genio indiscusso del Rinascimento.

Ma torniamo al quesito.  Perché questa tela attrae più di 5 milioni di visitatori all’anno?  E chi è la Monna Lisa? Sicuramente nei secoli il mistero dietro al volto della Gioconda si è stratificato. La critica d’arte si è espressa copiosamente per trovare a chi appartenga quel volto. Già il famoso biografo contemporaneo di Leonardo, Giorgio Vasari, l’aveva identificata con Lisa Gherardini, moglie di un mercante di sete fiorentino Francesco del Giocondo (e da lì La Gioconda). Recenti dati d’archivio hanno permesso di tracciare il profilo della donna e le vicende dietro il ritratto. Ciononostante, chi sia o chi non sia è imprescindibile dal suo eterno fascino. 

Fatti rilevanti per la sua fama:

  1. Infinita devozione di Leonardo stesso: Leonardo lavorò al ritratto dal 1503 circa per quattro anni, a più’ riprese fino a che decise di non separarsene  per i restanti dieci anni della sua vita (1519). La Mona Lisa lo seguiì da Firenze a Roma, da Roma a Milano, e poi alla corte del re di Francia, Francesco I, e lì  rimase (Napoleone Bonaparte non ha colpa).
  1. Ammirazione e copie: Incredibilmente la Gioconda suscitò’ una vasta notorietà’ fin dal diciassettesimo secolo tra Italia, Francia e Inghilterra come testimoniato da numerose copie pittoriche di alta qualità, da ferventi testimonianze e false attribuzioni. Fu poi messa in ombra dalla critica d’arte per circa un secolo, ma mai dimenticata del tutto. 
Il furto della Gioconda su La Domnica del Corriere 1911.
  1. Il furto della Gioconda: il celeberrimo atto del 1911, per opera del patriottico Vincenzo Peruggia che la riportò’ in patria, giocò’ un ruolo fondamentale nel cementare l’attenzione di un pubblico più’ vasto (e non solo di intenditori)  puntando i riflettori di una nascente cultura popolare sul timido sorriso della Mona Lisa.
  1. Valore inestimabile $$$: Nel 1962 il valore stimato di 100 milioni di dollari ($ 800 milioni oggi) la rese l’opera d’arte più’ costosa al mondo, in occasione di un contestato prestito della Gioconda negli USA su richiesta della First Lady Jacqueline Kennedy.
La Gioconda negli USA per Kennedy
  1. Mistero: Nel 1995 una artista di New York, Lillian Schwartz propose una teoria che divenne il soggetto di una cover story della rivista Scientific American. Ossia che la Gioconda non fosse altro che un camuffato autoritratto di Leonardo basandosi su coincidenze fisionomiche con uno dei più’ famosi ritratti di Leonardo anziano, conservato a Torino, alimentando l’inventiva e il mistero. L’ultima teoria risale al 2015 quando un privato ingegnere di luci multispettrali enuncia la presenza di un’altro volto sotto gli strati pittorici superficiali. 

Gli esperti del Museo del Louvre non hanno confermato le teorie, mentre Martin Kemp, massimo studioso di Leonardo a Oxford, riafferma la genesi del singolo ritratto in più stesure e cambiamenti come era d’uso nell’iter pittorico leonardesco.

Emozioni, neuroni specchio e l’esperienza estetica

Per Kemp Leonardo nel ritratto della Mona Lisa ha giocato su uno dei nostri basilari istinti umani: l’irresistibile tendenza a reagire ai segni facciali, ossia la fisiognomica. Ma come può un dipinto su tela veicolare emozioni

Uno degli obiettivi di Leonardo era proprio quello di suscitare un moto emozionale nello spettatore tramite l’arte della finzione pittorica. Sosteneva che chi guarda un ritratto tende a proiettare inconsciamente sé stesso nel personaggio dipinto, tanto da immedesimarsi.  Prima di Leonardo, il teorico  rinascimentale, Leon Battista Alberti, nel suo trattato sulla pittura (1435) sollecitò gli artisti a fare massimo uso di tale effetto. Leonardo stesso nei suoi diari riteneva un’opera un successo solo quando riusciva a suscitare un moto fisico nello spettatore. 

“Farai le figure in tale atto, il quale sia sufficiente a dimostrare quello che la figura ha nell’animo; altrimenti la tua arte non fia laudabile” (Ms. A, f. 199, 1490-1492 ca.)

Pare che queste idee rinascimentali fossero effettivamente plausibili. Sembrerebbero infatti teorie antesignane delle moderne scoperte neurobiologiche dell’empatia. Ora entrando in punta di piedi nell’ambito scientifico, percorro la teoria di Stefan Klein, fisico e filosofo di Monaco, sull’artista come neuroscienziato.  La neuroscienza studia in diversi campi il sistema nervoso. La ricerca nell’ambito ha permesso di isolare una “classe” o gruppo di cellule della corteccia cerebrale motoria che si attivano mentre osserviamo gli altri in azione, i denominati Neuroni Specchio. Una scoperta eccezionale fatta nel 1992 dal team italiano del CNR di Parma, guidato dal neurofisiologo Giacomo Rizzolatti (vincitore oscar delle neuroscienze).

Neuroni specchio

Il principio in breve è questo: alcune classi di cellule nervose hanno la funzione di controllare la muscolatura del nostro corpo, ad esempio l’impulso per curvare le labbra in un sorriso o in un’espressione di dolore. Altre, i neuroni specchio si attivano esattamente con lo stesso segnale di quelli motorii quando osserviamo altri felici o tristi, come se percepissimo quei sentimenti  in prima persona. In pratica i neuroni specchio riflettono come uno specchio le espressioni altrui,  empatizzando gli input visivi dei movimenti in una nostra espressione. In pratica ci viene da sorridere quando vediamo qualcuno sorridere. Mai capitato?

La scoperta ha permesso di far chiarezza sul complesso meccanismo delle empatia, seguita da un’applicazione multidisciplinare, inclusa l’arte visiva. Nel 2007 il team di Rizzolatti,  pubblico’ una sperimentazione dei neuroni specchio per dimostrare la base biologica dell’esperienza del “bello” nell’arte. (Grandioso!) Un risultato fu che l’osservazione della perfezione dell’arte classica attiva i neuroni specchio delle aree emozionali del cervello, esprimendosi in una stato particolare denominato esperienza estetica. Un progetto attualmente portato avanti dalla dottoressa Cinzia Di Dio e dal suo gruppo di ricerca dell’Università Cattolica di Milano. Il neurobiologo Semir Zeki dell’ University College of London, pioniere della moderna Scienza Visiva, esplorando il cervello degli artisti, nel suo libro Inner Vision (1999) affermò che grandi figure come Leonardo sono anche neurologi, in quanto capaci di comprendere inconsapevolmente le funzioni del cervello visivo. 

Pertanto l’interesse di  Leonardo per il processo di origine delle emozioni e delle relative espressioni facciali, emerse dai suoi studi mezzo millennio prima della moderna neurologia. Grazie a questa intuizione, riuscì a dipingere figure in modo tanto convincente da suscitare un coinvolgimento emotivo dello spettatore senza eguali. 

L’ammirazione di Raffaello

Raffaello Sanzio: La Dama con l’Unicorno (1505); Maddalena Doni (1506); Disegno della Gioconda (1504)

Il primo a meravigliarsi della Mona Lisa fu il giovano Raffaello che probabilmente vide il ritratto   alla bottega di Leonardo a Firenze come rivela un suo disegno datato 1504. Quello schizzo del giovane Raffaello riflette nella posa due sue opere successive: la Dama con l’unicorno e il Ritratto di Maddalena Strozzi-Doni. Probabilmente Raffaello, all’epoca appena ventenne, intuì  l’innovazione Leonardesca della posa di tre-quarti, forse ispirata dall’arte fiamminga in circolazione su disegni e opere alla corte di Mantova. Sebbene l’indiscutibile talento pittorico di Raffaello, il ritratto della Dama con l’unicorno non ha mai raggiunto la fama della Mona Lisa, mancando di suscitare ammirazione nei posteri. Raffaello ritrasse la donna come la vedeva, idealizzando la bellezza ma senza andare oltre cio che è immediatamente visibile. La sua comprensione artistica della giovane finisce al livello del puro ritratto. Quello che c’era oltre l’immagine e nella mente dell’osservatore, era di poco interesse per Raffaello. Pertanto nel ritratto vediamo solo quello che l’artista voleva mostrarci, un volto bello ma senza vita. Leonardo riusciva invece a penetrare la superficie dell opera. La Mona Lisa “vive”- riporta Martin Kemp, – “lei reagisce a noi, e noi non possiamo fare altro che rispondere”. 

Il volto imperfetto della Lisa

Ciononostante, la Gioconda non è’ perfetta, ma la sua fisiognomica ci rivela molto di quello che è stato attentamente celato. Notiamo che il volto è effettivamente asimmetrico. Per esempio, l’angolo sinistro della bocca è più’ alto e l’ombra dell’occhio sinistro è più accentuata. 

Ogni lato rappresenta uno stato diverso, uno più’ serioso e l’altro sorridente. La scienza moderna riporta che l’asimmetria facciale è dettata dal cervello diviso in due emisferi che controllano le due parti del corpo speculari. La parte sinistra del cervello controlla i muscoli della parte destra della faccia e vice versa. Dato che l’emisfero destro è più direttamente responsabile del processo delle emozioni, i sentimenti sono espressi in modo più marcato sul lato sinistro del volto.

La cosa straordinaria è che Leonardo dedusse questa particolare fisionomia delle espressioni grazie alle sue osservazioni metodiche. Studi che poi applico’ per rendere il volto della Mona Lisa imperscrutabile, esagerando la differenza naturale delle due parti del volto e quindi creando un volto estremamente enigmatico se non iperrealistico.  Dato che l’asimmetria si accentua quando si vogliono mascherare delle sensazioni, cosa vuoleva celare Lisa Gheraldini? Sembra che Leonardo fece il possibile per mascherare il mistero.  Non ci sono segni marcati sul volto, la transizione di colore tra le varie parti tra luce e ombra sono perfettamente equilibrate. L’effetto detto sfumato leonardesco è una tecnica sviluppata nel primo rinascimento, dove stratificazioni di colore traslucido e opaco creano l’illusione che lo sguardo della Mona Lisa si muova con noi (ecco il mito). Il nostro sguardo scivola sul colore senza potersi aggrappare in nessun punto di luce o di segno. Leonardo sapeva come un leggero cambiamento di ombre potesse modificare un’intera espressione. Lo vediamo nell’ angolo della bocca, alzato da un lato e più basso dall’altro, un velo di tristezza come se Lisa Gherardini avesse passato settimane a nascondere un devastante segreto. L’enigma rimane, ma se i nostri neuroni specchio entrassero in azione nella sala del Louvre, saremmo probabilmente travolti da emozioni antiche di secoli.

Indubbiamente le intuizioni di Leonardo si fondavano su di una sua particolare  abilità di manipolare le percezioni.

Studio sull’ottica di Leonardo, Ms. D, fol. 3v-4r. Paris, Istitute de France. Dalla Mostra Leonardo da Vinci, Louvre Novembre 2019

L’osservazione diretta era il fulcro della sua conoscenza, seppur consapevole dei limiti della percezione umana. Non dava nulla per scontato, come se vedesse le cose sempre per la prima volta, lo affascinava il mutamento continuo della natura. Leonardo sperimentò l’uso di strumentazioni ottiche fin dall’inizio della sua formazione.  Scoperte che inglobò con maestria nella pittura. Ancora una volta aveva centrato una spiegazione biologica dell’acutezza visiva.

L’ultimo inganno tra spazio e la luce

Nel ritratto della Mona Lisa il risultato è di enorme profondità visiva. La figura emerge quasi incorporea dallo sfondo, sospesa  nel paesaggio lontano. La luce che colpisce la Mona Lisa è invece ferma sul volto, e gioca con le dita della mano in primo piano. Ma degli elementi pittorici e costruttivi celano un vero inganno visivo progettato da Leonardo. 

La donna è seduta in una loggia, si noti il dettaglio accennato dalla base di colonne negli angoli del quadro. La dama dovrebbe essere in controluce. Invece è illuminata di fronte dal margine alto sinistro del quadro.

Leonardo in questo ritratto usò  la legge dell’ottica in un modo tanto perfetto da correggere la luce in un’illusione impercettibile. Questo non ci disturba. Noi semplicemente accettiamo che la donna sembri più reale della realtà stessa.  Leonardo dipinse il quadro non per essere realista ma creando una nuova realtà virtuale. Non inventò la prospettiva, ma fu il primo a capire le ragioni di questi fenomeni e applicarli nelle sue opere in un impareggiabile virtuosismo. La Mona Lisa rientra quindi in un momento di massima sperimentazione sull’ottica e di come l’incidenza della luce altera la visibilità delle cose. Quando iniziò il ritratto nel 1503, Leonardo aveva 51 anni, all’apice dei suoi studi  come eredità del suo vissuto.

L’effetto eccezionale creato da Leonardo viene dalla consapevolezza che l’opera non è ultimata sulla tela ma nel occhio dell’osservatore stesso. 

L’enigma della Gioconda…è Leonardo, il visionario, lo scienzato-artista, che scavò a fondo, interrogandosi su come un’immagine prenda forma nel occhio e quali sentimenti suscita in chi guarda. Direi che forse ci è riuscito a rendere viva un’emozione di 500 anni.

Museo del Louvre, io e la piramide di Pei

Quello che è certo è che nella mia prossima visita al Louvre passerò più tempo possibile ad osservarla, e magari chissà i miei neuroni specchio si attiveranno per farmi sentire come la Mona Lisa. Osservata da milioni di visitatori, dietro ad un vetro in una stanza al primo piano del Musée’ du Louvre.

Fin.

                                                      

In evidenza

I musei gratuiti nel Regno Unito compiono 20 anni.

Impatto e Curiosità di un caso quasi unico al mondo.

Se avete visitato almeno una volta Londra, avrete sicuramente apprezzato una cosa, i musei sono ad ingresso gratuiti! Grandioso! ma vi site mai chiesti perché? come fanno ad essere gratuiti?

In un saggio investigativo per il mio master in Museum Studies nel 2015 mi son posta la stessa domanda e continuo ad interrogarmi.

Wallace Collection Gallery, London

Come non apprezzare la libertà di visitare gradi musei come il British Museum e la National Gallery di Londra che espongono capolavori di arte e cultura senza dover pagare un biglietto di ingresso. Mi ricordo la prima volta che visitai Londra, da amante dei musei fu un piacevole invito inaspettato. Lo stesso stupore lo vedo ogni volta che quando guido un gruppo di Italiani tra le sale della National Gallery e presento il museo dicendo “le collezioni dei musei nazionali britannici sono  accessibili gratuitamente per tutti”.

V&A Museum, London

I vantaggi per i visitatori sono molteplici. Per me Londinese di adozione e amante di tutto ciò che è cultura, free entrance vuol dire andare in un sabato di pioggia (e capita spesso) a rivedere i Girasoli di Van Gogh alla National Gallery, salutare la Stele di Rosetta passeggiando per il British Museum o prendere un thè all’inglese al V&A Museum circondata dalla poliedrica collezione. Insomma in musei nel Regno Unito diventano non solo un nome della lista di cose da fare in visita, ma specialmente per i locali, un luogo di incontro, di memoria e di emozioni.

Ma perché i Musei Nazionali sono gratuiti in UK ?

British Museum, London

Il caso dei Musei Nazionali Britannici è (quasi) unico in Europa e nel mondo (il governo cinese ha reso gratuiti tutti i musei nazionali dal 2008) e comunque peculiare. La curiosità di investigarne le motivazioni mi ha permesso di approfondire le ragioni, le implicazioni socio economiche e le conseguenze di questa scelta del tutto Inglese. L’eterno dibattito: se per un aspetto il biglietto costituisce un guadagno necessario di strategia economica, dall’altro limita o priva le istituzioni nazionali del valore intrinseco e universale della loro esistenza.

Qui si fa riferimento alla definizione ufficiale di MUSEO del ICOM (International Council of Museum) – a cui tutti i musei del mondo hanno sottoscritto di appartenere (la definizione è attualmente in aggiornamento).

Il museo è un’istituzione permanente, senza scopo di lucro, al servizio della società, e del suo sviluppo, aperta al pubblico, che effettua ricerche sulle testimonianze materiali ed immateriali dell’uomo e del suo ambiente, le acquisisce, le conserva, e le comunica e specificatamente le espone per scopi di studio, educazione e diletto. (ICOM, Vienna, il 24 agosto 2007) http://www.icom-italia.org/definizione-di-museo-di-icom/

National Gallery, London

Ma torniamo indietro di due decenni per capire come nel Regno Unito i musei sono diventati gratuiti. In breve, I musei Nazionali britannici sono gratuiti dal 2001, come conseguente azione politica del Labour party che dal 1998 lavorò per eliminare il prezzo di ingresso per le collezioni permanenti (le mostre temporanee e gli eventi rimangono a pagamento). Anche il cambio di governo Conservatore dal 2011 non portò nessuna inversione di rotta.  Così i musei nazionali rimasero gratuiti (anche in Scozia e Galles) per mantenere il sostegno dell’opinione pubblica, della lobby del mondo dell’arte e dei direttori dei musei che contenti registrarono un aumento esponenziale degli ingressi. Si parla di incrementi di ingressi del 51%, un successo per i sostenitori dell’ingresso gratuito.

V&A Museum, London

Non è necessario invadere il campo della statistica per riportare dati boriosi, ma i numeri parlano chiaro. Da quando i musei divennero gratuiti nel lontano 2001, in particolare a Londra si verificò un boom di visitatori, per lo più turisti stranieri ma anche di locali (appartenenti alla classe media). Questo ha sicuramente cambiato il ruolo dei musei nella società, considerando le collezioni museali di dominio pubblico più che un valore solamente da preservare. ‘Our free museums and galleries ensure that culture is for everyone, not just the lucky few.’ Per tutti e non per pochi fortunati come disse il segretario di Stato alla Cultura Jeremy Hunt nel 2011 alla riapertura del dibattito. C’è da capire se è stato effettivamente così negli ultimi dieci anni.

Impatto socio-culturale ed economico  

Tate Modern, London

Quello che è certo è che i musei britannici hanno aperto le porte a un nuovo pubblico, attirando quelli che non avrebbero investito in un biglietto per una visita occasionale o meno al museo. Così facendo il museo diventa quindi luogo di esperienza sociale ad ampio raggio di visitatori.   I musei britannici, consapevoli di questo cambiamento di pubblico e di necessità esperienziale hanno puntato moltissimo su attività educative e di outreach (coinvolgimento comunitario), mostre temporanee spettacolari (ma a pagamento) ed eventi di intrattenimento che attirano continuamente i visitatori a tornare (a volte a pagamento).

L’impatto socio culturale è visibile nell’inclusione del visitatore – un termine molto diffuso nel programma museale da considerarsi in molteplici termini. In particolare si è registrato un aumento considerevole nella diversità etnica dei visitatori considerando la multiculturalità non solo di Londra ma di tutto il Regno Unito.

Dati del Governo del 2019

https://www.ethnicity-facts-figures.service.gov.uk/culture-and-community/culture-and-heritage/adults-visiting-museums-and-galleries/latest

 Inferiore ma comunque da considerare i dati inclusivi di quelle così chiamate classi “svantaggiate”, con un incremento che oscilla tra il 3 -5% sul totale dei musei inglesi (alcuni di più dipendentemente dalle aree). Non molto ma è già qualcosa. E qui ci si rende conto come riporta ormai da più di un decennio che il biglietto di ingresso era e sì una barriera per l’ingresso di certe categorie di pubblico ma non l’unica motivazione per non entrare. Le ragioni sociologiche e culturali del modello di stile di vita, l’ambiente di provenienze e l’interesse personale influiscono molto di più che quelle economiche.

National Gallery, London

A beneficiarne di più sono sicuramente i turisti stranieri, circa 18 milioni per anno, che arrivati a Londra visitano i Musei Nazionali gratuitamente.Questa apertura ha portato portando tre dei musei londinesi, British Museum, National Gallery e Tate Modern a essere tra i 5 musei più visitati al mondo (su un totale di 50 musei nazionali britannici gratuiti). Gli ultimi dati riportati dal Governo di questo 2020 (prima della chiusura totale dei musei per Covid-19) vedeva il British Museum sempre in testa con un totale di 5.911.385 visitatori (2019-2020).

Ora qui è facile immaginare quale sia il vantaggio economico ad ampio raggio portato dall’alto numero di visitatori nei musei. Anche senza pagare l’ingresso, il visitatore consuma in altro (tanto altro) e in modo non indifferente per l’economia turistica di Londra.Se ormai i turisti stranieri sono consapevoli di questo vantaggio londinese, quelli a stupirsi di più sono i cittadini britannici che andando in giro per il mondo si trovano a pagare (più o meno cari)  ingressi ai musei!

Science Museum, London

Ma non mancano gli svantaggi. Oppositamente i musei nazionali dal 2001 dovettero e devono tuttora combattere strenuamente con i tagli dei finanziamenti statali. Per sopperire all’ingente buco economico si sono create strategie di marketing e fundrasing fondamentali per la sopravvivenza.  Con grande impegno i musei nazionali si adoperano per incentivare le donazioni private di ricchi patrons e copiose partnership, in cambio di un coinvolgimento speciale sulla vita museale (eventi, tour privati e molto altro). Questo si è sorprendentemente rivelato un finanziamento stabile e continuativo di fundrasing (con varie controversie sulle fonti private ma questa è un’altra storia).

British Museum, London

A visitatori “comuni” viene ancora gentilmente richiesta una donazione di gradimento e per i taxpayers (residenti) il così chiamato il generoso giftaids (1£ di donazione aggiunto a un biglietto di ingresso alle mostre temporanee recuperato in percentuale dal museo in tasse).Per quello se vi capiterà di entrare nei musei nazionali inglesi (appena sarà di nuovo possibile in questo 2020) non vi stupite di vedere ad accogliervi all’entrata membri dello staff che vi chiedono donazioni, sono necessarie e per vedere le meraviglie che vi si stagliano nelle sale più che accettabile.

Per concludere, sono ormai passati 20 anni e i musei nazionali nel Regno Unito rimangono per diritto acquisito gratuiti.

Senza dubbio il dibattito internazionale continuerà, soprattutto in questo periodo di crisi economica causata della dichiarata Pandemia mondiale e li ha costretti (come un tutto il mondo) ad affrontare una crisi senza precedenti (l’ultima chiusura totale risale alla seconda guerra mondiale). Sebbene il sostegno del Governo inglese è stato necessario il danno è ingente. Sarebbe il caso di reintrodurre l’ingresso a pagamento? Aiuterebbe economicamente le istituzioni?Staremo a vedere. Ma è improbabile che i musei nazionali nel Regno Unito reintroducano l’ingresso a pagamento.

Tate Britain, London

Quindi attendiamo con ansia la riapertura in sicurezza delle più belle gallerie di Londra, così da poter tornare a salutare Vincent van Gogh e Leonardo in un sabato pomeriggi di pioggia inglese.

A presto

Silvia

Ps. Tutte le immagini sono tratte dalla mia personale raccolta di visitie girvagando per i musei londonesi.

In evidenza

Arte è scienza? se lo chiedeva anche Leonardo

Trattato della Pittura

Leonardo da Vinci, le sue annotazioni sull’arte pittorica tratte dai famosi studi del  XVI secolo che Francesco Melzi, sua devoto allievo, raccolse in un codice intorno al 1540.

Nella anno in cui ricorrono i 500 anni dalla scomparsa del Genio, ricordo la sua riflessione che tutto, anche la pittura, si basa lu leggi scientifiche, ossia fonte di ispirazione per questo Blog su Arte e Scienza.

SLionardo da Vinci, Della Pittura

Se la pittura è scienza o no. Vol I, parte I.

“Scienza è detto quel discorso mentale il quale ha origine da’ suoi ultimi principî, de’ quali in natura null’altra cosa si può trovare che sia parte di essa scienza, come nella quantità continua, cioè la scienza di geometria, la quale, cominciando dalla superficie de’ corpi, si trova avere origine nella linea, termine di essa superficie; ed in questo non restiamo satisfatti, perché noi conosciamo la linea aver termine nel punto, ed il punto esser quello del quale null’altra cosa può esser minore. Adunque il punto è il primo principio della geometria; e niuna altra cosa può essere né in natura, né in mente umana, che possa dare principio al punto. Perché se tu dirai nel contatto fatto sopra una superficie da un’ultima acuità della punta dello stile, quello essere creazione del punto, questo non è vero; ma diremo questo tale contatto essere una superficie che circonda il suo mezzo, ed in esso mezzo è la residenza del punto, e tal punto non è della materia di essa superficie, né lui, né tutti i punti dell’universo sono in potenza ancorché sieno uniti, né, dato che si potessero unire, comporrebbero parte alcuna d’una superficie. E dato che tu t’immaginassi un tutto essere composto da mille punti, qui dividendo alcuna parte da essa quantità di mille, si può dire molto bene che tal parte sia eguale al suo tutto. E questo si prova con lo zero ovver nulla, cioè la decima figura dell’aritmetica, per la quale si figura un O per esso nullo; il quale, posto dopo la unità, le farà dire dieci, e se ne porrai due dopo tale unità, dirà cento, e cosí infinitamente crescerà sempre dieci volte il numero dov’esso si aggiunge; e lui in sé non vale altro che nulla, e tutti i nulli dell’universo sono eguali ad un sol nulla in quanto alla loro sostanza e valore. Nessuna umana investigazione si può dimandare vera scienza, se essa non passa per le matematiche dimostrazioni; e se tu dirai che le scienze, che principiano e finiscono nella mente, abbiano verità, questo non si concede, ma si nega per molte ragioni; e prima, che in tali discorsi mentali non accade esperienza, senza la quale nulla dà di sé certezza.”

Arte e Neourologia

Tratto da :

Cover image

Inner vision : an exploration of art and the brain di Semir Zeki

Espolorando un terreno nuovo, quello della Neuroscienza applicata alla materia grigia degli artisti sono emersi interessanti studi che discuto l’effettiva differenza del cervello di un’artista.

L’emerito professore della University College of Londo, Semir Zechi, e fondatore della moderna Visual Science, ha messo mano a questo principio nel 1999.

Nel libro Vision dall’Interno (pubblicato in Italia nel 2003) ci spiega di come le distizioni tra il lavoro dell’artista e la visione scientifica siano solo apparentemente distanti. Lo dimostra esplorando in pronfondita’ le opere dei grandi maestri della arte, dal rinascimento al modernismo. Lo fa entrando dalle opere direttamente nel cervello dell’ artista svelando soprendenti verita’.

Reading in progress , stay tuned for updates

Summary: The work of the artist and the science of vision may seem distantly related as subjects. However, When Leonardo da Vinci wrote that, of all the colours, the most pleasing are the ones which constitute opponents, he was uttering a physical truth about the visual brain. Inner Vision is the first attempt to relate the science of vision to art. Using a range of examples from artists including Michaelangelo, Rembrandt, Vermeer, Magritte, Malevich, and Picasso, Semir Zeki takes the reader on an aesthetic tour of the brain. He describes in compelling detail how different areas of the brain respond to elements of the visual arts such as colour, form, line, and motion, and argues that our experience of art relates strongly to the neuroanatomy of the visual cortex.

Combining beautiful illustrations, rich insights, and entertaining prose, Inner Vision will be enthralling for scientists and artists alike. “Dr Zeki is one of the three founders of modern visual science. He has undertaken an ambitious project and has in my opinion succeeded admirably. The book is very readable and full of fascinating insights. It will appeal to a very wide audience including artists, neurologists, psychologists, and philosophers.” V Ramachandran, University of California

Under the skin Exhibition

Under the skin: illustrating the human body at Royal College of Physician, London

https://history.rcplondon.ac.uk/

Sibson
Drawing of a male torso. Francis Sibson, c.1840–1860. © Royal College of Physicians

Una mostra che svela i disegni anatomici che studiosi di mediciana e di anatomia insieme ad artisti illustratori e incisori hanno ingeniosamente illustrato in spiegare cosa si cela sotto la nostra pelle.

Leonardo Da Vinci e’ stato uno dei pionieri rinascimentali di questi studi anatomici. In questa mostra si potra’ vedere che cosa e’ stato fatto in tr secoli di studio e sperimentazione. Da non perdere.

Under the skin: illustrating the human body

1 February – 15 March 2019

Physicians, surgeons, artists and printers have developed tools and techniques to illustrate human anatomy, and to communicate what is hidden inside the human form. From simple woodcuts to high-tech MRI scans, their greatest challenge has been to represent the layers of the three-dimensional body on the two-dimensional screen or page.

Their efforts are masterpieces of art and science. The drawings, books and objects from the RCP library, archive and museum collections displayed  in this exhibition capture beautiful and unsettling interpretations of the shapes, structures and textures of organs and tissues.

Scarpa
Tabulae neurologicae. Antonio Scarpa, published Pavia, 1794. © Royal College of Physicians

​​

Visiting information

The exhibition will be open from 1 February – 15 March 2019, Monday–Friday, 9am–5pm and is free to visit. Pre-booking is not required, however groups larger than 6 people are required to pre-book a guided tour with museum staff. Please check the website for 2019 closure days before you visit.